Il Condominio

Proroghe e teleassemblee, un’interrogazione parlamentare di Fi

di Carlo Pikler

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

L'interesse verso la categoria degli amministratori di condominio dalla Camera dei deputati con l'emendamento in lavorazione dal M5S, ora passa anche per il Senato attraverso la predisposizione di una interrogazione parlamentare che sta sviluppando l'opposizione con il senatore Antonio Saccone.Camere diverse, ruoli e orientamenti politici anche, ma la finalità appare univoca.

L’annuncio dell’interrogazione
«Le associazioni di categoria degli amministratori condominiali sono seriamente preoccupate per l'avvicinarsi dello scadere dei termini di legge per l'approvazione dei bilanci annuali e, visto il divieto di assembramento previsto e reiterato dai diversi Dpcm emanati dal governo, temono di ricadere nelle disposizioni normative vigenti che prevedono per l'inadempienza nel convocare le necessarie assemblee, di poter essere rimossi dall'incarico».

Questo è quanto riportato in una nota dal senatore Antonio Saccone (F.I. – Udc), il quale annuncia: «non essendo stata prevista da nessun Dpcm fino ad oggi emanato dal governo una soluzione a tale problematica nè una proroga dei termini di legge, presenterò un'interrogazione parlamentare ai ministri della Giustizia, dell'innovazione tecnologica e dello Sviluppo Economico».

Le assemblee da remoto da regolamentare
Il senatore fa inoltre notare che «l'assemblea condominiale viene regolamentata dall'articolo 1136 Codice civile la quale però non precisa se l'intervento debba essere con una presenza fisica oppure anche da remoto o virtuale. L'articolo 66 disposizioni attuative Codice civile, invece, stabilisce che l'avviso di convocazione dell'assemblea condominiale deve indicare espressamente il luogo dove si svolge la riunione, facendo intendere che deve essere un luogo fisico, come ha confermato la giurisprudenza di legittimità, lasciando intendere che questa norma è inderogabile».

La proroga dei rendiconti fino al 31 dicembre 2020
Il comunicato però lascia intendere che si interverrà in maniera più incisiva rispetto alla richiesta di intervento amministrativo, palesandosi come impellente un'attività più incisiva e risolutiva: «ad un immediato intervento amministrativo, occorre far seguire anche un mirato intervento legislativo, sulla scorta degli studi già apportati dagli esperti del settore, poiché la normativa condominiale non prevede la possibilità di effettuare assemblee in videoconferenza. Nella situazione attuale, vi è un blocco totale delle attività condominiali, salvo iniziative assunte in via autonoma dall'amministratore di condominio, tra le quali non rientra l'obbligo di cui all'articolo 1130, numero 10 Codice civile che prevede di ‘redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l'assemblea per la relativa approvazione entro 180 giorni', ossia entro il 30 giugno 2020: una eventuale inadempienza sotto questo punto di vista comporta la revoca dell'amministratore».

Chiude quindi il senatore con l'annuncio: «Chiederò, pertanto ai ministri competenti se non sia il caso di prorogare l'attuale termine di 6 mesi di ulteriori 6, ovvero fino al 31 dicembre 2020».

Conclusioni
Che maggioranza e opposizione per una volta confermino le loro intenzioni, che Camera e Sanato si uniscano nei comuni intenti è importante. Chissà che non si intervenga non solo per tamponare la situazione emergenziale, maanche successivamente per riscontrare le tante esigenze di modifica radicale e strutturale del sistema condominiale.

C'è tanto da lavorare, si auspica quindi che le Camere, i ministri, la maggioranza e l'opposizione guardino al settore con occhio propositivo, ricordandosi che il 70% della popolazione italiana vive in condominio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA