Il Fisco

Casa e ufficio, il rebus dell’uso promiscuo nel superbonus

di Andrea Cartosio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Siamo due lavoratori autonomi che, come tutti i lavoratori autonomi, abbiamo per legge il domicilio fiscale presso l’abitazione di residenza. Abbiamo però un ufficio affittato, di cui scarichiamo le spese, mentre non scarichiamo nulla inerente l’abitazione, principale in condominio, considerata da noi non ad uso promiscuo. Risulterebbe che, dovendo fare interventi con il 110% presso le nostre abitazioni, detrarremo solo il 50% per i trainati mentre ed il 110% sui trainanti sulle parti comuni. Ciò pare avvalorato dall’Age zia delle Entrate, che le definisce potenzialmente utilizzate ad uso promiscuo. Risponde al vero? In questo caso milioni di partite Iva resterebbero gravemente danneggiate senza motivo.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?