Il Condominio

Sette giorni in due minuti: la settimana del Quotidiano del Sole 24 Ore - Condominio

di Glauco Bisso

Sarà la proroga d'autunno a dare lo start al 110% in condominio. Già alla fine di settembre saranno però moltissime le delibere “sospese” che restano solo in attesa del segnale semaforo verde della bozza di DPEF 2022. E questo anche se rimangono alcuni ostacoli: il ruolo del General contractor e dell'amministratore sempre non detraibili. La CILAS che non risolve i problemi delle autorizzazioni dei lavori complementari, agevolati dal fisco ma al di fuori del superbonus.

L'attività più difficile, con l'esplosione della domanda di lavori, è però individuare chi accetta di eseguire i lavori entro i valori massimi di lavorazione e di spesa entro il 2023. Per questo si sta sempre di più scoprendo che è utile associare agli interventi “eco” con quello “sisma” in modo da aumentare l'ammontare delle spesa agevolata in modo da compensare i prezzi sempre più stretti per la crescita dei materiali e delle attrezzature.

Davvero utile quindi la risposta dell'Agenzia delle entrate ad interpello che ha confermato che i lavori consequenziali sono sempre compresi nel super sisma bonus. Ha invece escluso che sia possibile aggiungere al contributo per la ricostruzione post sisma anche i bonus rafforzati proprio per l'avvenuto terremoto. Altri chiarimenti della settimana: il 110 trainato non si applica alle parti non residenziali fuori dal condominio. Ci sono però ancora regole da chiarire, per il proprietario unico, per le unità autonome e indipendenti.

Quando e come l'etichetta energetica ostacola il bonus mobili. Sono necessari progetti unitari per unità e non per aggregati per poter applicare il sisma bonus nei centri storici. Il punto su superbonus alla prova delle pertinenze. L'identikit dei soggetti che possono ottenere il 110% e gli altri sconti.

Casi e questione della vita in condominio: se la raccomandata è «rifiutata», la convocazione è comunque valida. Il regolamento contrattuale del condominio va interpretato secondo le regole del contratto. Vetri nelle parti comuni: la prudenza non è mai troppa e perché le responsabilità per incidenti sono pesanti. Posto auto per disabili, il riferimento è alla «solidarietà condominiale». Lastrico da restituire senza accordo di tutti. Notifica efficace al condominio solo presso l'amministratore. Anche il rendiconto, che riporta le morosità pregresse dopo l'approvazione, può essere impugnato. Utile la gestione più efficiente, per limitare il caro metano. Decreto ingiuntivo, l'amministratore ha titolo per opporsi anche senza delibera dell'assemblea. Inammissibile l'impugnativa dell’usufruttuario per omessa convocazione del nudo proprietario. La nuova scala esterna e la molestia possessoria. Non serve il consenso dell'assemblea, per l'abbaino da condonare. Non va bene il parcheggio che ostruisce il passaggio: la servitù di passaggio va esercitata nel modo meno limitante verso il fondo servente. Inammissibile l'appello proposto dal condomino contro la sentenza in cui il condominio era parte per l'annullamento della delibera dell'assemblea e non per la lesione di diritti individuali.

Buone notizie: Barriere architettoniche, il 110% spetta anche se non ci sono disabili. E per gli immobili con vincolo paesaggistico, è possibile anche cambiare la sagoma.

Quotidiano del Sole 24 Ore - Condominio: per risparmiare tempo, ed ottenere l’informazione critica, giornalistica, utile. Il vero aggiornamento è il proprio lavoro, svolto giorno dopo giorno, con la capacità di guardarsi da fuori. Quotidiano del Sole 24 Ore - Condominio offre al lettore questo punto di vista. A chi fa l’amministratore di condominio la consapevolezza che il suo ruolo è importante e che con il suo Quotidiano non è mai solo.

Per leggere gli articoli selezionati per voi nel corso di questa settimana cliccate qui e poi, una volta aperto il file, fate click sul titolo scelto.

Per abbonarsi al Quotidiano Condominio scrivere a servizio.abbonamenti@ilsole24ore.com o telefonare allo 0230300600.


© RIPRODUZIONE RISERVATA