Il Condominio

Apre lo Sportello telematico sulla privacy condominiale

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Nasce lo sportello telematico sulla privacy condominiale. Il Centro Studi di Privacy and Legal Advice, ha deciso di offrire agli amministratori che ne avessero il bisogno, la possibilità di ricevere consulenze gratuite su un tema tanto complicato quanto importante come quello della privacy.

Si conferma dunque la missione del Centro Studi, sin dalla sua origine impegnato nell'attività di divulgazione della cultura privacy in ambito condominiale, mediante continue iniziative atte ad aiutare a comprendere e rendere alla portata di tutti una normativa complessa e molto spesso mal digerita, come il GDPR.

L'attività di sensibilizzazione sulla materia era stata avviata anche grazie alla collaborazione con molte Associazioni di categoria che hanno sposato il progetto di Privacy and Legal Advice, attraverso seminari, eventi e congressi, di un settore sottoposto a grave rischio sanzionatorio come quello condominiale.

Va rammentato, infatti, che dalla normale segnalazione al Garante, che può essere effettuata da “chiunque” anche attraverso una semplice mail, può prender vita un vero e proprio processo ispettivo prima e sanzionatorio poi.

L'iniziativa tiene conto che organizzare eventi in loco appare complicato e rischioso a causa del covid-19, così come appare limitativo poter pensare di avviare uno sportello fisico che soddisferebbe solamente gli amministratori che eserciterebbero nella specifica zona di riferimento.

Ulteriore obiettivo del Centro Studi, infatti, è quello di abbattere le distanze tra l'amministratore e il formatore/consulente. Impresa questa che è sembrata più raggiungibile proprio grazie al lockdown che ha portato all'utilizzo di piattaforme webinar che hanno consentito il raggiungimento di più persone in ogni parte d'Italia, con importante risparmio di costi e di tempo. I mezzi telematici, infatti, abbattono ogni distanza ed ogni confine, anche quello di un eventuale scongiurato futuro lockdown totale o parziale che sia, costano meno, e garantiscono un impegno di tempo limitato al momento del collegamento.

Questa iniziativa è, quindi, l'esempio di come “necessità fa virtù”.La rubrica “Il Mercoledì della privacy” di Carlo Pikler sul quotidiano del Condominio” de “Il Sole 24 Ore”, dunque, trova ora il suo naturale seguito nella possibilità di interagire con esperti di settore per vedersi risolti i dubbi sui temi collegati al GDPR e per ottenere quella consulenza specifica di cui tanto, nella pratica della realtà quotidiana, l'amministratore può aver bisogno.

La conoscenza porta alla consapevolezza, la consapevolezza induce ad essere più responsabili, o per dirla come il GDPR, a provare l'ACCOUNTABILITY.Si entra quindi sempre di più nella nuova era, quella delle piattaforme virtuali, ormai a portata anche di “consulenza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA