Il Condominio

Coronavirus, sospendere i distacchi di acqua, gas e luce nei condomìni morosi

di Francesco Schena

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

L'emergenza Coronavirus implica anche la sostanziale sospensione delle assemblee condominiali allo scopo di evitare contagi e pregiudicare la salute pubblica.

Tuttavia, questo non basta. Bene avrebbe fatto il Governo a sospendere per decreto anche tutte le procedure in corso di disalimentazione delle utenze come luce, acqua e gas nei condomìni. Diversamente, ci si chiede come sarebbe mai possibile garantire l'igiene in edifici privi di acqua calda o con autoclavi privi di corrente elettrica.

L'appello, dunque, è quello di invitare il Governo ad intervenire in capo ai Gestori e agli Enti di governo dell'ambito territoriale perché si adottino provvedimenti in tal senso con la massima urgenza. Ma non solo. È necessario che sia anche disposto il ripristino delle alimentazioni nei casi in cui risultino già sospese.

Va anche ricordato come, per effetto delle stringenti regole impartite da Arera sulla gestione delle morosità a partire dal 2020, i casi di disalimentazione in corso potrebbero essere migliaia e interessare larghe fasce della popolazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA