Il Condominio

Il gestore di un locale rumoroso non commette reato se non reitera la condotta

di Edoardo Valentino

In caso il gestore di un locale commetta un reato di disturbo alle persone suonando musica alta nelle ore notturne si può applicare alla fattispecie la scriminante della particolare tenuità del fatto, a patto che il comportamento sia stato unico e non venga ripetuto.
Questo il principio pronunciato dalla sentenza Cassazione Penale Sezione III, 15 novembre 2018, numero 51584.
La vicenda in oggetto prende le mosse dall'irrogazione di un'ammenda da parte del Tribunale al proprietario di un locale...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?