Dalle Associazioni

Imu: Confedilizia la definisce una patrimoniale, che i proprietari immobiliari non è detto riescano a pagare

di Redazione

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

«Scade oggi la seconda rata della patrimoniale sugli immobili, l'Imu, che colpisce case, negozi, box, uffici, capannoni, aree fabbricabili, terreni. Dovranno pagarla anche i proprietari ai quali lo Stato ha sequestrato, di fatto, l'immobile da dieci mesi, attraverso il blocco degli sfratti». Lo scrive Confedilizia in una nota stampa.

Si aggiunge la lista di coloro che - messi in ginocchio dall'emergenza sanitaria - saranno tenuti al pagamento: «dovranno pagarla anche i proprietari che non ricevono più l'affitto dagli inquilini e quelli che lo hanno ridotto o sospeso per venire loro incontro.Dovranno pagarla anche i proprietari di immobili sfitti per assenza di inqu ilini o vuoti in mancanza di acquirenti.Dovranno pagarla anche i proprietari che avevano investito nella locazione turistica, portando ricchezza all'Italia, e che si trovano senza reddito da quasi un anno.Dovranno pagarla anche i proprietari che avevano scelto la locazione a studenti e che stanno subendo le conseguenze della didattica a distanza.Dovranno pagarla anche i proprietari ai quali per molti mesi è stato impedito di trasferirsi in una casa secondaria (con la motivazione della pandemia, ma senza convincenti argomenti che giustificassero questa misura per prevenire il contagio).Dovranno pagarla anche i proprietari di case ereditate in borghi abbandonati.Dovranno pagarla anche i proprietari di immobili inagibili o inabitabili».

«Per tutti questi proprietari - conclude Confedilizia - e per tanti altri, nessun ristoro da parte del Governo; in più, persino l'obbligo di pagare una patrimoniale. Se troveranno i soldi per farlo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA