Dalle Associazioni

Superbonus/3: i geometri chiedono la conferma della detraibilità delle spese professionali

di Redazione

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Audizione alla Camera di Agefis, l'associazione che rappresenta i geometri liberi professionisti. «Rafforzare il ruolo dei professionisti tecnici nel Superbonus del 110 per cento e confermare la detraibilità degli oneri relativi» è la richiesta arrivata dal presidente dell'Associazione Mirco Mion.

Affinché ciò sia possibile è necessario, tra l'altro, confermare espressamente la detraibilità di tali spese, anche in caso di mancata successiva esecuzione dell'intervento - ha detto Mion. Davanti alla commissione, Agefis ha evidenziato come l'estrema complessità normativa ponga una costante sfida d'aggiornamento a tutti gli operatori coinvolti nel superbonus del 110 per cento (operatori professionali, funzionari pubblici, tecnici operanti nell'ambito di Esco, aziende e istituti di credito).

L'opportunità del superbonus
L'attuazione compiuta di questa misura agevolativa può tradursi nella riqualificazione in chiave energetica e/o antisismica di un numero rilevantissimo di edifici, è stato chiarito, ma bisogna evitare scenari di falsa partenza secondo Agefis. «Tutto il settore si sta concentrando sulla parte delle certificazioni e asseverazioni – ha avvertito il presidente Mion – parzialmente dimenticando che ancor prima di effettuare qualsivoglia studio di fattibilità è necessario un enorme lavoro di verifica prodromica che rischia di diventare il vero cortocircuito dell'intera operazione».

I chiarimenti necessari
Si rischia tuttavia che tali attività vengano viste dal cittadino e dai condòmini come un costo non recuperabile, generando una corsa al risparmio sulle verifiche più significative che devono essere eseguite: esplicitare la detraibilità delle spese professionali sostenute dal committente per la verifica dello stato legittimo dell'immobile, finalizzata all'esecuzione di interventi di superbonus e confermare tale detraibilità anche nell'eventualità in cui si dovesse decidere di non dar corso al prospettato intervento di riqualificazione è la richiesta dell’associazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA