Risparmio Energetico e Tecnologie

Milano, la domanda per i contributi energia si fa così

di Daniele Frigerio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Escono ufficialmente sul sito del Comune i dettagli e i requisiti minimi per avere accesso al secondo bando indetto dal Comune di Milano (BE2) per il miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici.
Il comune di Milano ha stanziato più di 23 milioni di Euro a fondo perduto nel biennio 2018-2019. La finalità è quella di promuovere ed agevolare interventi su edifici esistenti per migliorarne l'efficienza energetica, attraverso la concessione di contributi.
L'iniziativa rientra nel complesso delle attività promosse dal Comune con lo scopo ultimo di ridurre il consumo energetico e migliorare di conseguenza la salubrità dell'aria nel capoluogo lombardo.
Dal 2023 saranno infatti per la stessa ragione banditi i generatori a gasolio su tutto il territorio comunale.
Diversi sono i soggetti che possono beneficiare del contributo: privati, società di persone o di capitale, enti privati, soggetti pubblici e condomìni.
Ci sono due diverse ipotesi di intervento:
1.Riqualificazione della centrale termica con sostituzione della caldaia alimentata a gasolio con una caldaia alimentata a gas naturale ( o altri tipi di generatori efficienti, es. pompe di calore ad alta efficienza).
2.Interventi di efficientemento energetico con la condizione che riguardino più del 40% dell'involucro (come ad esempio la posa di un cappotto termico) e che includa anche uno o più tra i seguenti interventi:
a.Sostituzione infissi;
b.Sostituzione generatore di calore;
c.Installazione pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria;
d.Installazione pannelli fotovoltaici;
e.Building automation (tecnologia di gestione e controllo automatico degli impianti termici ed elettrici);
f.Diminuzione l'irraggiamento solare estivo per gli ambienti interni.
In base alla tipologia di intervento, diversi sono i contributi erogati dal comune:
5% nel caso di ipotesi 1;
15% nel caso di ipotesi 2;
20% nel caso di ipotesi 2 con la contestuale realizzazione di un tetto verde (è un tetto parzialmente o completamente ricoperto di vegetazione che permette l'abbattimento del carico termico estivo).
Inoltre i soggetti ammessi al contributo comunale potranno richiedere un finanziamento agevolato grazie a un accordo che il comune ha stretto con alcuni istituti finanziatori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA