Imprese e Professioni Tecniche

Niente permesso se il dehors è un vero e proprio «volume chiuso»

di Jada C. Ferrero e Silvio Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Ha perso la causa anche al Consiglio di Stato un ristoratore ligure che, ottenuta dal Comune l'autorizzazione per una veranda “leggera” da realizzare alla base di un condominio sul fronte mare, aveva realizzato un dehors ben più strutturato. Infatti, anziché il consentito insieme di fioriere e pannelli frangivento con copertura in canniccio, aveva costruito un parallelepipedo in vetro e policarbonato, più alto di quanto autorizzato e, dunque, un vero e proprio volume chiuso, urbanisticamente rilevante, che avrebbe richiesto un permesso...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?