Il Fisco

I giovedì di MaiPiùSoli.net: il format per le certificazioni dell’amministratore

di Glauco Bisso

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Non c'è ancora il software definitivo che permette agli amministratori di condominio di inviare le comunicazioni degli interventi detraibili utili alle dichiarazioni precompilate 2019. E questo a venti giorni dal termine. Preoccupazione tra gli amministratori di condominio che collaborano attivamente a www.maipiusoli.net tanto da spingerli a chiedere una miniproroga al 7 marzo.
«Per chi utilizza strumenti orizzontali, open o libreoffice on mssoffice, realizzati in tali ambienti per la gestione condominiale - dice Giuliano Serapione - è obbligatorio immettere manualmente i dati e questo è fatica che non si può fare l'ultimo giorno». «Anche quest'anno notti di lavoro – confermano Giuseppe Lo Cicero e Rossella Alamanni – e questo perché il software dell’agenzia delle Entrate anche quest'anno non permette – a differenza di quanto avviene per le altre dichiarazione fiscali, l'importazione dei dati dalla dichiarazione dell'anno precedente».
Anche quest'anno i dati immessi per le detrazioni precompilata 2019 sono solo al 36- 50 e 65% per cento e nessuno per cessione del credito . «Prassi inattuata quella della cessione per le condizioni troppo stringenti imposte dalla circolare 11 2018” dice Aldo Piovani “le imprese non ne vogliono sapere di sottrarre liquidità alla propria gestione e la detrazione fiscale non motiva ai lavori se i soldi ci vogliono quasi tutti e subito».
«Tre i passi successivi che l'amministratore deve compiere - secondo Alessandro Cesarano - verificare che i bonifici “parlanti” riportino i dati delle fatture degli interventi, collezionare gli eventuali documenti per la sicurezza, richiedere ai condomini chi sia il soggetto che porta in detrazione gli importi perché ne ha sostenuto la spesa. Obiettivo: comporre la certificazione da inoltrare prima dell'apertura della campagna dichiarazioni a tutti i contribuenti i cui dati sono poi da riportare nella comunicazione all'AdE».
E siccome oltre all'immissione dei dati anche per la consultazione dei condòmini occorre molto tempo, di qui la richiesta della miniproroga al 7 di marzo.
Intanto il format della certificazione da inviare ai condòmini, predisposta da www.maipiusoli.net , canale su whatsApp e Telegram, libero e gratuito tra i lettori del Quotidiano Condominio, è scaricabile cliccando qui .


© RIPRODUZIONE RISERVATA