Il Fisco

La fine della convivenza non ferma le detrazioni

Marco Zandonà

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Sono regolarmente iscritto in anagrafe quale convivente con la mia compagna. Dopo l'inizio della convivenza ufficiale, nel 2017 ho pagato con regolari bonifici (indicando il mio codice fiscale e la partita Iva dell'azienda edile) alcune fatture per la ristrutturazione di una casa intestata al 100% alla mia compagna: casa in cui andremo ad abitare a fine lavori. Se però in futuro smettessimo di convivere, potrò continuare a detrarre le rate per la ristrutturazione in questione, per tutti i dieci anni previsti? La legge parla infatti della convivenza quale pre-requisito ai fini delle detrazioni, ma non dice nulla circa l'eventuale fine della convivenza, dopo il termine dei lavori.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?