Il Fisco

Prima casa, le modalità di utilizzo del credito d'imposta

Alfredo Calvano

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Mio figlio ha venduto il suo appartamento (prima casa) e ne ha acquistato un altro (sempre prima casa). L'acquisto, sia del primo che del secondo immobile, è avvenuto da un costruttore. L'Iva pagata sul primo appartamento può essere portata in detrazione nel rogito del nuovo appartamento, come credito d'imposta? L'Iva pagata sul primo acquisto era di circa 9.500 euro e l'Iva sul nuovo appartamento sarà di 15.000; fornendo al notaio tutta la documentazione del primo acquisto (rogito e fatture), unitamente ad una dichiarazione dell'avvenuta vendita del primo appartamento, è possibile compensare e quindi pagare l'Iva per differenza? Oppure si deve fare tramite il modello 730 del prossimo anno? In quel caso, però, l'Irpef della sua certificazione unica è di 5.600 euro e, quindi, non potrebbe recuperare i 9.000 euro. Ci perderebbe una bella cifra, considerando che avrebbe anche altre deduzioni fiscali di cui tenere conto.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?