Il Fisco

Da oggi i condòmini «incapienti»possono cedere il loro credito - firmato il provvedimento delle Entrate

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

L'agenzia delle entrate ha finalmente pubblicato oggi il provvedimento attuativo (43434 del 22 marzo 2016) della cessione dell'ecobonus da parte dei condòmini incapienti per gli interventi di riqualificazione energetica dei condomini. Per il testo completo cliccare qui .
Diventa finalmente operativa, grazie anche alle sollecitazioni del deputato Antonio Misiani, la norma della legge di stabilità (comma 74) che insieme ad altri colleghi (tra i quali Enrico Borghi ed Ermete Realacci) ha sostenuto e contribuito a far approvare dalla Commissione bilancio della Camera.
In Italia, spiega Misiani, ci sono un milione di condomini in cui vivono 14 milioni di famiglie. Questi edifici appartengono per circa l'85 per cento a classi di elevato consumo energetico e sono responsabili di una quota rilevante delle emissioni di anidride carbonica.
Avviare un ciclo di investimenti finalizzati al risparmio energetico avrebbe effetti molto importanti dal punto di vista ambientale ma anche economico, contribuendo al rilancio dell'attività edilizia.
La cessione del credito è un primo passo per far decollare questo mercato, potenzialmente enorme.
Ne serviranno altri, che dobbiamo impegnarci a far approvare dal Parlamento nei prossimi mesi: la proroga della cessione del credito (che per il momento è limitata al 2016 in forma sperimentale) e la possibilità per le imprese di cedere a loro volta il credito agli intermediari finanziari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA