Il Fisco

Modello Rli da inviare solo dopo gli otto anni

di Luigi Lovecchio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Ho stipulato il 31 luglio 2010 un contratto di locazione abitativo 4+4. Nel giugno 2011 ho inviato la raccomandata all' inquilino per comunicargli l'opzione per la cedolare secca. Nel 2012 entro il termine di 30 giorni dalla scadenza annuale ho depositato all' Agenzia delle Entrate modello 69 con conferma opzione cedolare secca. Nel luglio 2014 ho presentato telematicamente all'Agenzia delle Entrate il modello RLI per la proroga. L'Agenzia contesta dal luglio 2014 la possibilità di applicare la cedolare secca perché non confermata in RLI del luglio 2014. Gli estremi del contratto sono sempre stati riportati anno per anno nella dichiarazione dei redditi. Era necessario indicare nuovamente nel modello RLI di proroga presentato nel luglio 2014 l'opzione per la cedolare secca peraltro mai revocata? Tenuto conto anche del fatto che compilando il RLI proroga (codice 2) non viene richiesta la compilazione dell' opzione cedolare.

Da L'Esperto Risponde

L'opzione per la cedolare mantiene efficacia sino alla prima scadenza contrattuale. Non è chiaro in proposito se a tale fine rilevi anche la proroga automatica di legge del contratto, riferita ai successivi quattro anni, oppure solo la scadenza successiva agli otto anni. Nel dubbio, conviene comunque confermare l'opzione alla scadenza dei primi quattro anni. Nel caso descritto nel quesito si ritiene comunque possibile opporre all'Agenzia delle Entrate la considerazione che, al termine dei primi quattro anni, non si è verificata alcuna scadenza contrattuale, di tal che l'opzione esercitata deve ritenersi valida sino al decorso dell'intero periodo di otto anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA