Il Fisco

SÌ ALL'AGEVOLAZIONE NEL PALAZZO VINCOLATO

LA DOMANDA
Vorrei sistemare un appartamento, presentando una Scia o una Dia (vale a dire una segnalazione certificata o una dichiarazione di inizio attività) al Comune, ma non posso fare nuove opere murarie né modificare le pareti interne, perché il palazzo è vincolato. Ho diritto comunque al bonus ristrutturazioni?Elenco gli interventi programmati:a) messa in sicurezza dell'impianto elettrico, con nuova certificazione, utilizzando le tracce murarie già esistenti;b) messa in sicurezza dell'impianto di riscaldamento e acqua calda, con sostituzione dei vecchi termosifoni e riparazione o sostituzione della caldaia a gas;c) spostamento della cucina da una stanza all'altra (con nuovi lavandini e fornelli), senza modificare la planimetria delle stanze;d) sostituzione o riparazione dei serramenti;e) tinteggiatura finale.

La risposta è affermativa. Tutti gli interventi descritti possono, nel complesso, essere definiti di manutenzione straordinaria, secondo l’articolo 3 del testo unico edilizia, Dpr 380/2001, e, come tali, fruiscono della detrazione del 50 per cento (articolo 1, comma 47, dellalegge 190/2014; si veda anche la guida al 50% e al 65% su www.agenziaentrate.it), pur riguardando un appartamento vincolato, i cui lavori sono abilitati da una Scia o una Dia.In presenza di un intervento su un immobile di interesse storico-artistico vincolato a norma del Dlgs 42/2004 (sostitutivo della vecchia legge 1089/1939), la detrazione del 50% è cumulabile con la detrazione delle spese di manutenzione obbligatorie per legge o rese necessarie da un provvedimento amministrativo (detrazione del 19 per cento, ex articolo 15 del Tuir, Dpr 917/1986), ridotte nella misura del 50 per cento.

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA