Il Fisco

IL BAGNO SI RINNOVA CON LO SCONTO FISCALE

LA DOMANDA
Ho effettuato un intervento di manutenzione straordinaria nel mio appartamento (sostituzione vasca con doccia con integrazione tubature e scarichi fognari) nel novembre 2014. Possono i lavori proseguire nel 2015 con lo stesso beneficio? Alla luce della nuova legge di stabilità posso fruire del bonus mobili nel 2015?

Il rifacimento del bagno (comprese le tubature e il massetto) è definibile come intervento di manutenzione straordinaria (articolo 3, comma 1, lettera b, Dpr 380/2001) e come tale fruisce della detrazione del 50% (articolo 16 bis del Tuir 917/1986 e articolo 1, comma 47 legge 190/2014, guida al 36%-50% su www.agenziaentrate.it). La semplice sostituzione dei sanitari (come la vasca con la doccia) e delle piastrelle invece è intervento di manutenzione ordinaria non agevolato ai fini della medesima detrazione (la manutenzione ordinaria è agevolata solo se effettuata sulle parti comuni). Nel caso di specie, la sostituzione della vasca con la doccia comporta evidentemente (si tratta di manutenzione strordinaria), anche il rifacimento parziale dell’impianto idraulico e come tale l’intervento è agevolato. Se le spese sono state sostenute nel 2014, è sempre possibile fruire anche del bonus mobili (detrazione del 50% sino a €10.000 per acquisto di mobili e elettrodomestici), conseguente all’esecuzione dell’intervento di sostituzione di vasca con doccia. A tal fine i mobili possono essere acquistati anche nel 2015, purchè entro il 31 dicembre (articolo 1, comma 47, legge 190/2014 che ha prorogato il bonus mobili a tutto il 2015). È possibile anche proseguire i lavori edili nel 2015 e acquistare nello stesso anno i mobili, senza necessità di alcuna comunicazione all’agenzia Entrate per lavori a cavallo (tale comunicazione era prevista solo per fruire della detrazione del 65% per gli interventi di risparmio energetico ed è stata soppressa dal decreto legislativo 175/2014 sulle semplificazioni fiscali).

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA