Il Fisco

I BENEFICIARI DELLO SCONTO NON MUTANO NEL COMODATO

LA DOMANDA
Con mio padre, proprietario, stiamo ristrutturando e riqualificando la casa nella quale viviamo. Al termine dei lavori, entro l'anno, mio padre vorrebbe lasciarmi (donazione o comodato) l'abitazione, nella quale sarò l'unico residente. Le spese, rientranti nella detraibilità del 50%, sono state sostenute (nel 2014 e nel 2015) per il 70% da mio padre e per il 30% da me, con fatture separatamente intestate e con pagamenti dai rispettivi conti correnti bancari (con apposita causale e riferimenti). Le spese riferite alla detraibilità del 65% sono state pagate solo da mio padre e solo nel 2015.Per quanto pagato nel 2014, ognuno detrarrà in base alle spese sostenute. Ma, in seguito alla donazione o al comodato, si potrà mantenere la stessa ripartizione delle detrazioni come sopra indicato per gli anni a venire, anche con annotazione notarile sui contratti? O la detraibilità residua deve seguire un solo soggetto? È possibile far detrarre in alternativa tutto il restante 50% a me e il 65% a mio padre?

Dal 1° gennaio 2012, l’articolo 16 bis del Tuir, Dpr 917/86 (articolo 1, comma 47 legge 190/2014; guida al 50% e 65% su www.agenziaentrate.it) prevede (lo stesso vale anche per la detrazione del 65% su immobili abitativi) che in caso di vendita, o anche donazione, dell'unità immobiliare, sulla quale sono stati realizzati gli interventi che fruiscono del 50% o 65%, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all'acquirente persona fisica dell'unità immobiliare. Pertanto, il proprietario, all’atto della donazione al familiare del fabbricato oggetto dell’intervento di risparmio energetico può optare, in sede di atto di donazione, per il mantenimento alla detrazione (50% o al 65%) sulle quote decennali residue. In caso di mancata opzione, in ogni caso, il diritto si trasferisce al donatario (il figlio, nel caso di specie). È anche possibile trasferire il diritto per una sola delle due detrazioni e optare per il mantenimento in capo al donante dell’altra detrazione (ad esempio, opzione per mantenere il diritto sul 65% e trasferimento del 50%). In caso di comodato, invece, il diritto non si trasferisce, ma rimane in capo agli aventi diritto originari che hanno sostenuto le spese.

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA