Il Fisco

DECISIVA L'INTESTAZIONE DELLA FATTURA AL FIGLIO

LA DOMANDA
Nel caso di ristrutturazione di 2 immobili, uno intestato ai genitori, l'altro al figlio, per il pagamento di una fattura intestata al figlio, sul bonifico vengono indicati come ordinanti il padre e la madre. Il conto bancario utilizzato è cointestato a tutti e tre (padre-madre-figlio). Pregiudica la detrazione del 50% l'erronea indicazione sul bonifico dei genitori come ordinanti?

Ai fini della detrazione del 50% (articolo 16 bis del Tuir, Dpr 917/1986 e articolo 1, comma 47, legge 190/2014, guida al 50% su www.agenziaentrate.it) rileva l’intestazione della fattura. Pertanto, se nel caso di specie la fattura è intestata al figlio (proprietario di una delle due unità immobiliari in corso di ristrutturazione, e uno dei tra titolari del conto corrente intestato oltre che ai genitori anche a lui), la detrazione compete al figlio medesimo, intestatario della fattura, anche se ordinante del bonifico sono i genitori. La titolarità del conto corrente di appoggio del bonifico è sufficiente per dimostrare il pagamento come risulta dalla fattura a lui intestata.

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA