Il Fisco

Certificazione unica per il professionista “minimo”

di Nicola Forte

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Il condominio ha erogato nel 2014 un compenso per un intervento di recupero edilizio 50% ad un geometra libero professionista nel regime dei minimi. Il condominio e' comunque tenuto alla predisposizione e all'invio telematico del Modello CU nonostante la banca abbia provveduto ad operare la ritenuta del 4% prevista per i bonifici delle ristrutturazioni?

Da L'Esperto Risponde

Se il contribuente non avesse scelto il regime dei minimi la banca avrebbe dovuto operare la ritenuta d'acconto da versare con il modello F24. In questo caso la banca sarebbe stata obbligata a certificare l'avvenuto pagamento del compenso con la certificazione Unica 2015. Trattandosi, nel caso di specie, di un contribuente che ha scelto il predetto regime agevolato, quindi esonerato dalla ritenuta, la banca non avrebbe dovuto trattenere alcuna somma qualora il geometra avesse rilasciato alla banca una dichiarazione sul proprio “status” (di contribuente minimo) presso il quale il contribuente stesso risulta correntista (risoluzione Agenzia delle entrate n. 47/E/2013). In tale circostanza, cioè anche laddove la ritenuta non fosse stata operata, l'istituto di credito avrebbe dovuto certificare l'importo corrisposto (con la Certificazione Unica 2015) da includere all'interno del Modello 770.
In conclusione (in un caso o nell'altro) la banca risulta comunque obbligata alla certificazione della somma corrisposta a titolo di compenso e alla trasmissione telematica dei dati all'Agenzia delle entrate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA