Il Condominio

Spese per l’autoclave, si tiene conto dell’altezza del piano?

di Raffaele Cusmai - Condominio24

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Nella definizione del criterio di riparto delle spese per la manutenzione ordinaria e l'energia elettrica dell'impianto autoclave sarebbe corretto tenere conto della diversa altezza delle unità immobiliari (come per scale e ascensore) o andrebbero ripartite secondo la tabella di proprietà, come nel caso della installazione o manutenzioni straordinarie (tutto l'impianto è in pressione in egual misura)? Sarebbe altresì lecita una ripartizione della relativa spesa di energia elettrica in base ai singoli consumi di acqua (uso effettivo e non potenziale)? In tal caso si chiede se sarebbe una diversa convenzione e se necessiterebbe di sotto-contatore per rilevazione consumo elettrico dell'impianto.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?