Il Condominio

Il costruttore può riservarsi la nomina dell’amministratore?

di Raffaele Cusmai - Condominio24

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Si è formato il Condominio ALFA a seguito della progressiva alienazione da parte DI BETA S.P.A., originario proprietario e venditore, delle varie unità immobiliari componenti il fabbricato. Nel regolamento condominiale, formato da BETA S.P.A. e richiamato in tutti gli atti di compravendita, figura, tra le norme transitorie, una clausola del seguente tenore: «BETA S.P.A. si riserva la facoltà di procedere alla nomina dell'Amministratore scegliendo tra persone o Società di sua fiducia. Il compenso sarà comunque ratificato dall'Assemblea. Tale facoltà rimarrà in vigore sino a che saranno rimaste in capo a BETA S.P.A. unità immobiliari per un valore complessivo uguale o superiore a 250 “millesimi generali” ed in ogni caso almeno per i primi due anni a comunque non oltre i cinque anni dalla costituzione del condominio». Successivamente, BETA S.P.A. nomina un amministratore, il quale provvede a convocare la prima assemblea dei condomini. Tanto premesso, come deve comportarsi quest'ultimo? È comunque tenuto ad inserire nell'ordine del giorno della riunione assembleare anche l'argomento della nomina dell'amministratore al fine di consentirne la ratifica da parte dell'assemblea, oppure, essendo già investito della carica, può prescinderne facendo valere validità ed efficacia della richiamata norma condominiale?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?