Il Condominio

Lo «sconfinamento» non basta a realizzare l’unione di due condomìni

di Alessandro M. Colombo

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Alcuni condomini, sopraelevando il tetto comune e sfondando il muro perimetrale, ampliano le rispettive unità, debordando l'area di loro spettanza ed invadendo quella del contiguo edificio. L'assemblea del condominio che, per effetto di tali interventi, ritiene di aver “fagocitato” il confinante organismo edilizio, attribuisce a quest'ultimo una quota millesimale e lo assoggetta con delibera a contribuzione nelle spese. Ciò, ritenendo ormai comuni fondazioni, muri maestri e tetto, per effetto di una «fusione» dei due edifici in una sorta di novella...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?