Il Condominio

L’amministratore piace al 55% dei condòmini

di Francesca Carolina Ferbo

L’amministratore condominiale piace (ma non tantissimo) e le virtù più apprezzate sono competenza e precisione, subito seguite da capacità relazionali ed empatia. Sono i primi risultati dell’inchiesta svolta da “+Vicini” su un campione di 800 persone che ha risposto all’intervista e di cui il 33% è di età compresa tra i 36 e i 45 anni, il 22 % tra i 46 e i 55 anni e il 20 % tra i 28 e i 35 anni e il resto oltre i 55 anni, tutti residenti in condominio. Questa inchiesta fa seguito a quella, pubblicata sul Sole 24 Ore del 7 novembre scorso, su rapporti di vicinato e cause delle liti.

Alla domanda: «Sei contento/a dell’operato di chi amministra?» Il 54,59% dei soggetti ha risposto «Sì», il 45,41% ha risposto «No». Insomma, nonostante i luoghi comuni, la maggior parte dei condòmini si dichiara contenta del suo operato.

Volendo poi analizzare i motivi per cui i condomini sono contenti dell’operato dell’amministratore, è stata posta questa domanda e le risposte, raggruppate sempre in categorie concettuali, sono state le seguenti: Il 50% ha risposto parlando di competenza e precisione dell’amministratore; il 15,26% della presenza dell’amministratore, vista nell’accezione relazionale e di empatia; il 12,76% dell’onestà e la trasparenza dell’amministratore; il 9,93% ha elogiato la capacità dell’amministratore nella mediazione e nell’ascolto; il 2,84% ha sottolineato l’autorevolezza; il 2,13% la chiarezza documentale relativa alla comprensibilità dell’operato dell’amministratore in materia di documenti redatti; l’1,42% ha apprezzato il basso compenso percepito dall’amministratore e il 24,82% ha dato altre risposte, non categorizzabili.

Ciò che risulta evidente, oltre al naturale apprezzamento di competenza e precisione, è la forte componente umana e relazionale dell’amministratore, che tramite la sua presenza relazionale, data dall’empatia e dalla vicinanza emotiva, dalla sua capacità di ascolto e mediazione in situazioni conflittuali o problematiche, viene considerato un leader funzionale piuttosto che un nemico da combattere. Mentre gli aspetti burocratici e pecuniari sono in bassissima percentuale tra le risposte.


© RIPRODUZIONE RISERVATA