Il Condominio

Non si può invocare il «decoro architettonico» se è già stato compromesso

di Paolo Accoti

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Nessuna lesione del decoro architettonico se questo è già stato compromesso da precedenti interventi.
Nel silenzio normativo sulla nozione di decoro architettonico, anche dopo la riforma della materia condominiale, la continua opera esegetica della giurisprudenza e della dottrina ha portato a definire il decoro architettonico come l'insieme delle linee e delle strutture ornamentali che costituiscono l'estetica dell'edificio condominiale, segnando al contempo la sua armoniosa fisionomia (si vedano: Cass. n. 8731/98; Cass. n. 16098/03).
Nello stesso senso, la più recente dottrina ha stimato...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?