Il Condominio

Spese per la prevenzione incendi, quale criterio di ripartizione?

di Raffaele Cusmai - Condominio24

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
In un condominio di 10 scale composto da poche unità a scala (sei unità-due piani) esiste un piano interrato adibito ad autorimesse (52 box). Per effetto di una denuncia, intervenuti i Vigili del fuoco, è stato disposto un progetto ottenere il Certificato prevenzione incendi (Cpi). Dovendo suddividere le spese, molto onerose, per l'ottenimento, si richiede la giusta attribuzione, oltre che per le opere per l'ottenimento del Cpi (vasca di 30.000 litri per idranti, segnalazioni impianto elettrico, collari sulle tubazioni estintori e quant'altro) anche per tinteggiare le pareti, pulire il sistema fognante che appare comune, fare gli intonaci ignifughi, come prescritto dai Vigili del Fuoco, una scala di sicurezza a metà della stessa che è costituita nelle fondazioni del fabbricato.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?