Il Condominio

Non si prescrive l’azione di rimozione di opere sulle parti comuni

di Valeria Sibilio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Ha natura reale l'azione con la quale il condominio chiede la rimozione di opere che un condòmino abbia effettuato sulla cosa comune, oppure nella propria unità immobiliare, con danno alle parti comuni; quindi non si prescrive se non dopo vent’anni con la dichiarazione di usucapione del bene. Un principio sancito dall'ordinanza 14622 (relatore Antonio Scarpa) del 2018 con la quale la Cassazione ha trattato un caso nel quale le opere di rimozione del tetto, operate dalla condòmina ricorrente...