Il Condominio

La servitù, anche se è fonte di disagio, non si cambia senza un nuovo accordo

di Selene Pascasi

Il deposito d’acqua resta d0v’è. Un condòmino aveva spostato d'autorità alcuni serbatoi dell'acqua di una vicina che per servitù erano collocati nel suo sottotetto, ponendoli in
un'area condominiale. Ma la vicina si è opposta, ottenendo ragione dalla Cassazione.
Il principio è che è illegittimo lo spostamento delle opere necessarie all'esercizio della servitù per iniziativa unilaterale del proprietario del fondo servente il quale – se l'originario esercizio del diritto sia divenuto più gravoso, o impedisca di eseguire lavori, riparazioni o miglioramenti – può...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?