Il Condominio

Inaugurato a Milano il primo condominio del quartiere a basso impatto energetico 

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC


Milano fa un nuovo passo avanti verso una città più green e attenta al risparmio energetico.
Si sono concluse, infatti, le attività del primo lotto di lavori del progetto europeo "Sharing Cities" - che, oltre a Milano, vede coinvolte Londra (capofila), Lisbona e tre città follower (Bordeaux, Burgas e Varsavia) - nell'area compresa tra le zone di Porta Romana e Vettabbia. A riconsegnare alle famiglie residenti lo stabile di via Tito Livio 7 e quello di via Verro 78, oggi totalmente riqualificati e più "efficienti", il Sindaco Giuseppe Sala affiancato dagli assessori Cristina Tajani (Commercio e Smart City) e Marco Granelli (Mobilità e Ambiente). Tutto in occasione dell'apertura della Settimana delle energie rinnovabili, un appuntamento voluto dal Comune di Milano e Amat per approfondire le sfide e le opportunità legate all'efficientamento energetico e alla produzione di energia da fonti rinnovabili in programma in città fino al 16 marzo.
Il progetto, del valore complessivo di 25 milioni di euro, ha consentito all'Amministrazione comunale di intercettare risorse europee per circa 8,6 milioni di euro in cinque anni. Queste somme stanno consentendo, tra l'altro, la riqualificazione di cinque edifici di proprietà privata e un edificio pubblico (il complesso di via San Bernardo 29 a Chiaravalle) per un totale di 25 mila metri quadrati di unità residenziali. Inoltre si stanno sviluppando sistemi di gestione energetica integrata e l'installazione su tutta l'area di lampioni intelligenti wi-fi dotati di sensori di vario tipo nonché la progettazione sperimentale del primo car sharing di condominio. Tutti gli interventi previsti nei condomini sono stati co-progettati con l'ascolto e la partecipazione dei residenti al fine di coinvolgerli nella trasformazione del quartiere.
Gli stabili di Tito Livio e via Verro sono costruzioni dei primi anni '70, abitati rispettivamente da 36 e 24 famiglie. Sono stati interessati da una profonda azione di ristrutturazione e di efficientamento energetico: dalla posa dei cappotti esterni all'isolamento dei controsoffitti, passando per l'installazione delle valvole termostatiche, il controllo e la regolazione a distanza degli impianti e la sperimentazione di un innovativo sistema per l'autoproduzione di energia da fonte rinnovabile, in questo caso il solare fotovoltaico. Una parte dell'energia prodotta, infatti, viene auto-consumata localmente dalle utenze comuni condominiali evitando l'acquisto da soggetti esterni, mentre una parte in eccedenza viene ceduta alla rete che la rimborserà a un prezzo conveniente.
Un innovativo sistema di gestione dell'energia operante in una logica IoT (Internet delle cose), con un sistema di trasmissione dati a basso consumo, raccoglierà i dati di comfort all'interno e all'esterno degli edifici, misurerà i consumi e la produzione di energia a livello di distretto per analizzare gli effetti dei diversi interventi di efficientamento e la loro interazione, oltre a studiare ulteriori possibili logiche di ottimizzazione energetica su scala cittadina.
Da classe energetica F via Tito Livio è passata in C , mentre via Verro da classe D è passata in B; l'azione di efficientamento consente dunque alle famiglie di avere un risparmio energetico sulla bolletta condominiale compreso tra il 50/60%. Il costo stimato degli interventi è di 350mila euro per lo stabile di via Verro, che potrà contare su un contributo di 150mila euro per l'adesione al progetto "Sharing Cities", mentre per lo stabile di via Tito Livio è prevista un spesa di 216mila euro con un contributo di 60mila euro. Gli interventi di efficientamento sono eseguiti da Teicos UE S.r.l., partner del Consorzio Sharing Cities, insieme a Future Energy Srl per la parte impiantistica. L'innovativo processo di coprogettazione, che ha visto il coinvolgimento attivo dei cittadini nella scelta delle misure di efficientamento più idonee per ogni stabile, è stato condotto dal team di progetto composto da: Legambiente, Politecnico di Milano (DASTU), Teicos Ue S.r.l., Future Energy S.r.l., il tutto con l'affiancamento e il supporto del Comune di Milano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA