Il Condominio

Amministratori a confronto con l’Autorità idrica pugliese

L'autorità idrica Pugliese (A.I.P.), su richiesta della Conferenza delle Associazioni degli Amministratori di Condominio (ALAC – AMI – ARCO – HELPCONDOMINIO - UNAI) ha incontrato i rappresentanti degli Amministratori. Al tavolo di consultazione si è discusso di diversi temi: a) il rinnovo della Carta dei Servizi dell'Acquedotto Pugliese, essendo la stessa scaduta da tempo, b) il nuovo piano tariffario nel 2018 dell'acqua per gli usi domestici di cui la Conferenza delle Associazioni ha intenzione di chiedere il blocco stante la perdurante crisi economica delle famiglie, c) la problematica connessa all'approvvigionamento idrico. Su quest'ultima questione l'Acquedotto da alcuni mesi ha ridotto drasticamente la pressione idrostatica della rete idrica non consentendo di far arrivare l'acqua ai piani superiori dei condomìni causando nel contempo esborsi notevoli di somme notevoli per le migliaia di cittadini costretti ad installare autoclavi nei condomini. La riduzione della pressione idrostatica disposta dall'AQP non sembra conforme alle linee guida dettate dall'Autorità Nazionale regolatrice dell'energia, gas e servizi idrici AEEGS (ora ARERA). Questo è uno dei temi che la Conferenza delle Associazioni ha rappresentato all'A.I.P. dopo aver già incontrato nei giorni scorsi i vertici commerciali dell'Acquedotto Pugliese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA