Il Condominio

Niente ripartizione in parti uguali anche se mancano le tabelle millesimali

di Paolo Accoti

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Salvo casi specifici, espressamente indicati dal legislatore, le spese necessarie alla conservazione e ed al godimento delle parti comuni dell'edificio, così come quelle per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza devono essere ripartite tra condòmini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione (art. 1123, comma I, Cc).
Qualora il condominio non fosse dotato delle tabelle millesimali nondimeno la ripartizione dovrebbe tener conto della relazione tra il valore della singola...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?