Il Condominio

Gli errori da evitare quando si costituisce un condominio

di Donato Palombella

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

La riforma del condominio, modificando l'art. 1129 cod. civ., ha imposto la nomina dell'amministratore quando i condomini sono almeno nove. Oltre alla nomina dell'amministratore, nella costituzione formale del condominio, va anche approvato un regolamento contrattuale con le relative tabelle millesimali.
Come dobbiamo comportarci?
Il punto di partenza è la convocazione dell'assemblea; se non siamo degli esperti e non sappiamo che pesci prendere, dovremo rivolgerci ad un professionista. In tal caso, sarebbe meglio diffidare degli “avvocati tuttologhi” (che, peraltro, potrebbero costare caro) e potremmo rivolgerci a professionisti con una specifica preparazione professionale che sapranno consigliarci per il meglio evitando brutte sorprese. Un'ottima soluzione (a costo zero) potrebbe essere quella di rivolgerci all'amministratore di condominio di nostra fiducia che saprà consigliarci al meglio, curando tutti gli adempimenti necessari.
Partendo dall'esame di un caso concreto, cercheremo di capire quali sono gli errori più grossolani in cui cadono non solo gli appassionati del “fai da te” ma anche alcuni professionisti poco esperti in materia di condominio.

Per leggere la guida cliccare qui


© RIPRODUZIONE RISERVATA