Il Condominio

Minacce in assemblea e rifiuto di verbalizzarle

di Raffaele Cusmai

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Durante un'assemblea condominiale straordinaria un condòmino ha minacciato di “morte”mia madre, di volerla picchiare e rovinarle l'auto. Ha chiesto all'amministratore che venisse riportato a verbale ma ha risposto che la cosa doveva essere messa ai voti dei presenti, i quali (nessuno intervenuto a sua difesa) hanno deciso di non volerlo riportare a verbale. La domanda che volevo porvi è, in tal caso l'amministratore non dovrebbe essere super partes ed essere obbligato a riportare un fatto simile?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?