Il Condominio

Balcone in aggetto vietato se non si «usa» il giardino

Matteo Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Il condominio ha venduto a terzi un appartamento adibito a sala condominiale con precise clausole: «che nessun diritto, né di comproprietà né di uso, spetta all'appartamento in oggetto sul locale garage condominiale, con ingresso dal cortile al lato sud; sulla zona scoperta recintata ad ovest ed a nord del fabbricato; sul giardino ubicato ai lati nord, est e sud dell'edificio; e sull'immobile condominiale già adibito ad alloggio del portiere».L'appartamento è provvisto di sole finestre e l'acquirente ha chiesto al condominio di aggettare un balcone sul giardino condominiale, con altezza di 2,4 metri tra l'intradosso del balcone e il piano di calpestio del giardino. Può realizzarlo? Ha bisogno dell'unanimità dei consensi? Esso costituisce per il condominio una servitù?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?