Il Condominio

Più criteri per valutare l'ordinarietà dei lavori

Matteo Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Nel nostro condominio si è deliberata una spesa di 9.000 euro per un intervento di potatura di piante d'alto fusto, che avviene ogni tre-quattro anni. Vi è contrasto tra chi sostiene che si tratti di manutenzione ordinaria e, quindi, deliberabile con un terzo dei millesimi in seconda convocazione, e chi invece ritiene che si tratti di manutenzione straordinaria (non trattandosi di intervento usuale), come tale deliberabile con 500 millesimi.L'amministratore sostiene che, per considerare la manutenzione come straordinaria, occorrerebbe che la spesa superasse il 10/15% del valore del bilancio. Se così fosse, tutto, nel nostro condominio, a fronte di un consuntivo annuo di circa 600mila euro, sarebbe di fatto da considerare come manutenzione ordinaria.Qual è il criterio con cui si valutano la manutenzione straordinaria di notevole entità, prevista dal 4° comma dell'articolo 1136 del Codice civile, e quella di lieve entità?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?