Il Condominio

Minacce in assemblea, non c’è reato quando l’«inoffensività» è evidente

di Saverio Fossati

Nessuna rilevanza penale per la minaccia «vieni fuori facciamo a pugni» se a pronunciare la frase è, nel corso di un'assemblea condominiale, un “nonno” di 84 e la persona sfidata ne ha 20 di meno. Insomma, un chiaro invito all’irrilevanza delle minacce quando la sproporzione è evidente, così ha detto la Cassazione nella sentenza 25080/2016, depositata ieri . La Cassazione ha evidenziato l’«assoluta inoffensività» in relazione al concreto contesto di riferimento «anche solo evidenziando come l’imputato all’epoca dei...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?