Il Condominio

Contabilizzazione del calore, in arrivo la nuova norma Cei per ripartire le spese

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC


Incentivare la razionalizzazione dei consumi e il contenimento degli sprechi, salvaguardando il comfort abitativo.
E' questo l'obiettivo del progetto di norma nazionale E0208F600, di competenza del Comitato termotecnico italiano, che stabilisce i criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, climatizzazione estiva e acqua calda sanitaria in edifici di tipo condominiale, provvisti o meno di dispositivi per la contabilizzazione (diretta o indiretta) dell'energia termica utile, distinguendo i consumi volontari delle singole unità immobiliari da tutti gli altri.
La norma è indirizzata ai progettisti, ai gestori del servizio di contabilizzazione, ai manutentori e utilizzatori degli impianti di climatizzazione nonchè agli amministratori di condominio, quali soggetti preposti alla ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, climatizzazione estiva e acqua calda sanitaria.
Il documento, che andrà a sostituire la norma UNI 10200:2015 "Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria - Criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale ed acqua calda sanitaria", è in inchiesta pubblica finale fino al 13 giugno 2016 ed è disponibile sul sito dell'UNI per eventuali commenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA