Il Condominio

Per i danni è lecita la chiamata in causa «a catena»

di Enrico Morello

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

La domanda dell'attore si estende automaticamente al terzo chiamato in causa dal convenuto senza che occorra, in tal senso, una apposita istanza. Lo afferma la sentenza 6623/2016 della Cassazione, depositata ieri.
I proprietari di un appartamento citavano in giudizio i proprietari dell'appartamento sovrastante chiedendone la condanna al risarcimento dei danni per infiltrazioni d'acqua provenienti dal loro alloggio.
I convenuti si costituivano chiamando in causa, a loro volta, il Condominio al quale essi attribuivano la reale responsabilità dell'evento dannoso.
La sentenza...

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?