Il Condominio

Quando viene ceduto il 20% delle unità in nuda proprietà

di Rezzonico Silvio

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Un venditore ha venduto in un condominio la nuda proprietà di unità immobiliari in percentuale totale maggiore del 20% sia come numero che come millesimi, riservandosi l'usufrutto totale (a tempo, fino al 2021) e con effetti giuridici immediati ed economici dalla riunione dell'usufrutto alla nuda proprietà.
Negli atti di vendita si è assunto l'onere di tutte le spese di qualsiasi natura (ordinarie, straordinarie, derivanti dalla natura condominiale, anche fiscali etc) fino alla riunione dell'usufrutto alla nuda proprietà, ricevendo la delega a partecipare alle assemblee, con diritto di voto anche in deroga a quanto previsto dall'art. 67 del codice civile. Per la doppia eccedenza del 20% altri condomini possono contestare la validità delle assemblee e relative delibere, in particolare per quanto concerne le spese di straordinaria manutenzione, di pertinenza del nudo proprietario, ma in questo caso sostenute contrattualmente dall'usufruttuario?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?