Il Condominio

Nessun addebito se c’è stata diligenza

di Gian Vincenzo Tortorici

La responsabilità del custode della cosa che ha causato danni a terzi è prevista dall’articolo 2051 del Codice civile. Custode è chiunque abbia l’uso di questa cosa e sia obbligato a mantenerla in efficienza per il suo migliore godimento. Qualora essa provochi danni per non essere stata adeguatamente mantenuta, il custode è responsabile dei danneggiamenti per incuria, per omissione o per non avere posto in essere tutti gli interventi che erano necessari per evitare l’evento.

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?