Il Condominio

Revoca dell'amministratore nominato dall'autorità giudiziaria

di Paola Pontanari

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
L'amministratore del mio condominio è stato nominato dall'assemblea in data 30 dicembre 2011 e rimane in regime di “prorogatio”.
L'assemblea con delibera del 6 maggio 2014 ha inoltrato all'amministratore un'istanza di convocazione dell'assemblea per deliberare la revoca dell'amministratore e la nomina del nuovo amministratore. Successivamente in data 27 giugno 2014 ai sensi delle Disp. Att. articolo 66-comma1 del Codice civile è stata inoltrata all'amministratore una istanza di convocazione dell'assemblea per lo stesso motivo; il riscontro è stato il ripetuto rifiuto dell'amministratore a convocare l'assemblea. La convocazione diretta dell'assemblea non risulta praticabile. Se un condomino, in sede di volontaria giurisdizione ,ai sensi dell'articolo 1129 comma 12, n. 1 del Codice civile, senza avere prima sottoposto la questione al parere dell'assemblea così come previsto, volesse inoltrare un ricorso finito poi con esito positivo, l'assemblea successivamente ha facoltà di revocare l'amministratore nominato dall'autorità giudiziaria?

Quotidiano del Condominio

Il Quotidiano del Sole 24 ORE Condominio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale con tutte le novità e gli approfondimenti sul mondo immobiliare e condominiale.
L'unico firmato Il Sole 24 Ore.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?