Il Condominio

Un frantoio in condominio

di Pierantonio Lisi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Nel piano terra in un condominio con 5 appartamenti occupati da proprietari è installato da molti anni un frantoio oleario che produce immissioni di rumori, vibrazioni, fumi e odori intollerabili.
Poiché detta attività costituisce grave pericolo, può continuare a rimanere nel condominio?
Si precisa che detto condominio è ubicato in centro abitato.

Da L'Esperto Risponde

Occorre, innanzitutto, verificare se risultino violate discipline inderogabili dettate a tutela della salute, della sicurezza o della quiete pubblica. Ove l'impianto non fosse a norma, l'attività del frantoio sarebbe illecita e, come tale, qualunque soggetto interessato ne potrebbe fondatamente chiedere la cessazione.
Tuttavia, anche se l'attività dovesse risultare regolare sotto questi profili, potrebbe ugualmente chiedersene la cessazione ove le immissioni denunciate possano ritenersi eccedenti la soglia di normale tollerabilità. Si tratta di una valutazione che il giudice effettua caso per caso, tenendo conto della situazione dei luoghi (articolo 844 del Codice civile). Se l'attività del frantoio dovesse rivelarsi incompatibile con la destinazione abitativa dei luoghi (centro abitato), il giudice potrebbe imporre l'adozione di accorgimenti tecnici in grado di riportare le propagazioni al di sotto della soglia di normale tollerabilità o vietarne la prosecuzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA