Il Condominio

I consiglieri non possono sostituire l'amministratore

di Silvio Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
L'articolo 5 del regolamento condominiale dell'edificio in cui abito recita così:
“Sono organi del condominio:
a) l'assemblea generale dei condomini ...
b) il consiglio di amministrazione del condominio, composto da n.3 condomini eletti annualmente dall'assemblea dei condomini (uno per ogni scala). Esso è l'organo consultivo dell'amministratore, questo sostituisce l'amministratore in casi di assenza temporanea od in casi di sua revoca o dimissioni, e sino a nuova nomina.”
Ciò premesso, chiedo di conoscere quanto segue:
1. Esiste l'obbligo di comunicare all'anagrafe tributaria anche i nominativi dei consiglieri con i relativi poteri?
2. Quali sono le responsabilità civili e fiscali dei consiglieri (capi scala)?
3. Il regolamento stabilisce peraltro che l'amministratore, in caso di dimissioni, resta in carica fino alla nomina del suo successore; non capisco come i consiglieri possano, in tale evenienza, sostituire il dimissionario amministratore.

Da L'Esperto Risponde

In caso di cessazione dalla carica – per scadenza del termine annuale o per dimissioni – l'amministratore conserva ad interim i suoi poteri e può continuare ad esercitarli fino a che non sia sostituito dal nuovo amministratore (tra le altre, Cassazione, 5 febbraio 1993, n. 1445). Il principio si fonda sulla presunzione di conformità della prorogatio all'interesse dei condomini.In tale contesto, alla specie riteniamo inapplicabile il disposto di cui all'aricolo 5, del regolamento – non si sa se assembleare o contrattuale – con la precisazione che solo il regolamento contrattuale può derogare al disposto di cui agli articoli 1129 e 1131 del Codice civile.
Nel caso del lettore, la norma regolamentare potrebbe essere applicata solo in caso di “assenza temporanea dell'amministratore”. In ogni caso - a seguito della cessazione dell'amministratore dalla carica e sino alla nomina del nuovo amministratore - non è necessario fare alcuna comunicazione, all'anagrafe tributaria, dei nominativi dei consiglieri. Questi ultimi – in quanto componenti di un organo meramente consultivo – non possono di regola andare incontro a responsabilità civili e/o fiscali, a causa della gestione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA