Il Condominio

Danni da impianto idrico in condominio parziale

di Pierantonio Lisi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Si chiede di conoscere i criteri di ripartizione delle spese relative al ripristino di danni causati da un impianto idrico condominiale.
Tale impianto è costituito da un contatore ed una biforcazione della tubatura uscente dall'autoclave.
Si chiede in particolare se i danni causati in una scala dalla dispersione idrica arrecata dal guasto di una parte della biforcazione, debbano essere ripartiti anche ai condomini dell'altra scala.

Da L'Esperto Risponde

I due tubi risultanti dalla biforcazione sono destinati l'uno all'utilità delle unità immobiliari della scala A, l'altro all'utilità delle unità immobiliari della scala B. Ne deriva che il primo di essi è di proprietà dei proprietari degli appartamenti della scala A, l'altro dei proprietari degli appartamenti della scala B. Se la perdita si è presentata a valle della biforcazione, dunque, dei danni risponderanno solo i proprietari degli appartamenti tra i quali è comune la proprietà del tubo danneggiato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA