Il Condominio

Deleghe ricevute dal condòmino candidato amministratore

di Pierantonio Lisi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Desidero sapere se nel corso di una riunione di condominio per l'elezione del nuovo amministratore, il condomino verso il quale si sta votando per la sua elezione può conteggiare a suo favore le deleghe che ha ricevuto. Chiaramente nel caso specifico il condomino non ha votato per se stesso ma ha fatto pesare le sue deleghe per la sua elezione.
Penso che, nel caso di elezione di un nuovo amministratore, le deleghe che un qualsiasi condomino ha preso legittimamente non possono essere in alcuno modo conteggiate in favore del delegante, quale soggetto proposto per assumere l'incarico di nuovo amministratore.
Sapete dirmi se tale procedura è corretta?

Da L'Esperto Risponde

Se può considerarsi espresso in conflitto di interessi il voto del condomino-amministratore su una delibera che riguardi il suo operato o la sua nomina ad amministratore, non altrettanto può ripetersi per i voti espressi dallo stesso in qualità di delegato: in più occasioni la giurisprudenza ha precisato che qualora i deleganti abbiano avuto contezza della situazione, si suppone che abbiano valutato il proprio interesse come conforme a quello del delegato in conflitto di interessi (in tal senso, vedi Cass. 22234/2004 e Cass. 18192/2009, in cui si richiama la disciplina dettata in materia di società).
Occorre rilevare, tuttavia, che nello svolgimento dell'incarico il neoamministratore non potrà essere delegato da nessun condomino “per la partecipazione a qualunque assemblea” (v. articolo 67, quinto comma, disp. att. Codice civile).


© RIPRODUZIONE RISERVATA