Il Condominio

L'invio dell'avviso va sempre provato

di Luana Tagliolini

Non è sufficiente inviare l'avviso di convocazione dell'assemblea a mezzo posta per potersi dire assolto l'obbligo di cui all'articolo 66 delle Disposizioni di attuazione del Codice civile, in quanto permane sempre l'onere di provare che l'atto sia giunto a destinazione o meglio, nella sfera di conoscibilità del destinatario.
Di recente laCorte di cassazione (ordinanza n. 13015/2015) ha precisato che all'avviso di convocazione spedito a mezzo posta e, pacificamente, non consegnato al destinatario, consegue l'onere del condominio «di provare non solo la spedizione, ma anche che l'avviso di giacenza (adempimento che consente di acquisire conoscenza dell'invio della comunicazione e la conoscibilità del suo contenuto) fosse stato immesso nella cassetta postale del destinatario» .


© RIPRODUZIONE RISERVATA