Il Condominio

Il condòmino assente può intervenire nella discussione

di Donato Palombella

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

Come interpretare la circostanza che il condòmino, pur risultando assente nelle fasi preliminari dell'assemblea, sia intervenuto nella discussione? Il mistero è stato risolto dalla Corte d'appello di Genova e successivamente avallato dalla Cassazione (sentenza 14698/2015).
Il caso è al limite dell'inverosimile. A finire sotto i riflettori, questa volta, è un verbale di assemblea dove, al punto 12, si registra l'intervento di un condomino. La particolarità sta nel fatto che, il condomino in questione, non risulta presente nelle fasi costitutive dell'assemblea.
La chiave di lettura può essere diversa. E' possibile che si sia verificato un errore nelle fasi preparatorie o può essere accaduto che il condomino sia intervenuto nell'assemblea quando questa era già in itinere. Le conseguenze sono estremamente diverse. Volendo pensare ad un mero errore materiale, per cui il Presidente ha dato per assente un condòmino invece presente, ne deriva che il “condòmino fantasma”, avendo effettivamente partecipato, fin dalle prime fasi all'assemblea, non può procedere alla impugnazione del deliberato.
Se, viceversa, si ritiene che il “condomino ritardatario” sia intervenuto successivamente, alla chetichella, quando l'assemblea era già in corso, ne deriva che, al limite, potrebbe impugnare solo i punti all'ordine del giorno alla cui discussione (e relativa votazione) non ha partecipato.
Il nodo gordiano è stato sciolto definitivamente dalla seconda sezione della Corte di Cassazione con la sentenza n. 14698 del 12 maggio 2015, resa pubblica mediante deposito in cancelleria il successivo 14 luglio: si ritiene che il condomino sia presente fin dall'inizio dell'assemblea e l'omessa presenza costituisce “un errore materiale, inidoneo ad invalidare la delibera assunta”.
Qual'è, quindi, l'insegnamento della Cassazione? Se il condomino interviene in assemblea quando la discussione è già avviata, è necessario dare atto dell'intervento tardivo. In questo modo si eviteranno diverse discussioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA