Il Condominio

IL DECORO NON SI VIOLA NEMMENO CON IL PIANO CASA

LA DOMANDA
In un condominio, il proprietario dell'attico ha effettuato l'ampliamento della volumetria e ha edificato due verande nei suoi poggioli, in base alla legge sul Piano casa. Poichè il regolamento condominiale contrattuale vieta l'alterazione del decoro architettonico, si chiede quali azioni può esperire il condomino che si era opposto a tale ampliamento e entro quale termine può esperirle.

Anche gli atti amministrativi derivanti dal Piano casa fanno salvi i diritti dei terzi, e quindi i diritti dei condomini. In tale contesto, se sussiste una effettiva alterazione del decoro, il lettore può agire giudizialmente per la eliminazione delle due verande e per la rimozione delle nuove volumetrie edificate abusivamente.L’azione esperibile è, preferibilmente, quella della negatoria servitutis, per la cui esperibilità il termine prescrizionale è di venti anni.

Da: Condominio24


© RIPRODUZIONE RISERVATA