Il Condominio

Polizza globale fabbricati, chi paga la franchigia

di Pierantonio Lisi

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Presso lo stabile condominiale è stata sottoscritta una polizza globale fabbricati che nella sezione danni da acqua prevede una franchigia di euro 100 per danni verso terzi ed una franchigia di euro 150 per ricerca guasto per un massimale pari ad euro 7.500.La rottura di un raccordo dell'appartamento A, ha causato danni all'appartamento B sottostante. L'assicurazione ha pagato quanto previsto. L'amministratore ha fatto pagare la franchigia al condomino, anche in casi analoghi precedenti. Vi pare corretto ciò? Se scorretto come deve comportarsi il condomino citato? In sostanza la franchigia la deve pagare il condomino o il condominio?

Da L'Esperto Risponde

La polizza globale fabbricati copre i danni provocati a terzi: sia che ne debba rispondere il condominio, sia che ne debba rispondere il singolo condomino. Al fine di stabilire chi sia tenuto a sopportare l'onere economico della franchigia, dunque, occorre accertare se il raccordo la cui rottura ha determinato il danno sia una parte comune o sia oggetto di proprietà individuale. Nel primo caso sarà il condominio a dover provvedere al pagamento al danneggiato di quella parte del danno che - come la franchigia - la polizza non copre e la spesa si ripartirà tra tutti; nel secondo dovrà provvedervi il singolo condomino responsabile. Nel caso esposto dal lettore, l'intervento dell'amministratore ha il senso di facilitare un accordo tra danneggiato e danneggiante in una vicenda cui il condominio è totalmente estraneo. Se il condomino riconosciutosi responsabile - perchè proprietario del “raccordo” - si fosse rifiutato di versare l'importo della franchigia al danneggiato, quest'ultimo avrebbe potuto agire in giudizio nei confronti del primo e non certo del condominio. In nessun caso, insomma, se il responsabile del danno è un singolo condomino, l'importo della franchigia si divide tra tutti i condomini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA