Il Condominio

Casellario giudiziario e carichi pendenti amministratore

di Silvio Rezzonico

Q
D
C Contenuto esclusivo QdC

LA DOMANDA
Ho richiesto tramite raccomandata a mano all'Amministratore il certificato Casellario giudiziario e carichi pendenti in quanto devo affidare ingenti somme relative a lavori straordinari da svolgere in condominio ( non ha una buona reputazione e si dice che abbia precedenti poco puliti e che abbia sottratto somme ad altri condomini e che sia stato condannato ), è legittimo fare tale richiesta? In un primo momento mi risponde verbalmente che non è tenuto, dopo mia insistenza mi risponde per iscritto che se voglio tale documenti devo pagare circa Euro 200,00. La Legge cosa prevede? E' lecita mia richiesta? E la sua ?

Da L'Esperto Risponde

In materia di onorabilità professionale dell'amministratore dispone ora l'art. 71 bis, disp. att. c.c., introdotto ex novo dalla Legge 220/2012. Secondo la norma, ai fini del regolare conferimento dell'incarico all'amministratore, quest'ultimo deve avere il godimento dei diritti civili; non essere stato condannato per delitti contro la Pubblica Amministrazione, contro l'Amministrazione della Giustizia, la fede pubblica, il patrimonio e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore nel minimo a due anni e nel massimo, a cinque anni.
L'art. 71 bis prevede anche ulteriori requisiti di onorabilità di cui alle lettera “c, d, e”. In ogni caso, i requisiti di onorabilità sono prescritti inderogabilmente dalla norma richiamata, sicché la loro mancanza comporta la invalidazione della nomina dell'amministratore. E, tuttavia, essendo a contenuto innovativo, l'art. 71 bis non può retroagire rispetto al rapporto di mandato già intercorrente tra amministratore e condomino. Fermo restando che – anche a prescindere dalla nuova disposizione – il condomino ha diritto di richiedere all'amministratore il certificato penale generale e quello dei carichi pendenti, per controllarne l'affidabilità professionale. A mio giudizio, il rimborso delle spese per i certificati del casellario giudiziario – non operando il disposto di cui all'art. 71 bis, disp. att. c.c. – è però a carico del lettore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA